Come e perché scegliere un montascale mobile.

Le barriere architettoniche per un diversamente abile oppure per una persona anziana con ridotta mobilità
rappresentano delle difficoltà insormontabili.
Salire e scendere le scale diventa difficile se non impossibile, e la persona con ridotta mobilita’ è relegata al
suo appartamento senza uscire limitando la sua vita di relazione ma soprattutto la qualità della vita e la sua
autonomia.
Fortunatamente il mercato offre montascale con seduta o piattaforma da installare sulle barriere ma a
volte sia per costi sia perché magari si vive all’interno di un condominio che non consente l’installazione
( anche se la normativa è chiara se in un condominio vive un disabile si devono abbattere le barriere), allora
ci sono i montascale mobili, nessun permesso, smontabili, si ricollocano all’interno del proprio
appartamento si ricaricano a batteria, semplici, facili da maneggiare.
Il mercato offre sia montascale a cingoli, che a ruote.
Quando si puo’ scegliere un montascale a cingoli, su cui viene agganciata in sicurezza la carrozzina
dell’utilizzatore, e quando si deve scegliere un montascale a ruote con seduta incorporata.
Anche in questo caso la prima cosa da analizzare sono proprio le scale da superare.
Se abbiamo rampe regolari con gradini non superiori ai 18 cm, e pianerottoli di 1 metro per 1 metro,
sceglieremo il montascale a cingoli.
Se invece avremo pianerottoli stretti, a ventaglio, scale a chiocciola e gradini superiori ai 18 cm, fino ad
arrivare a 21 cm, opteremo per il montascale a ruote.
In entrambi i casi consigliamo sempre di fare un sopralluogo, valutare le scale, valutare chi deve gestire
montascale, solo dopo un’accurata analisi un tecnico vi consiglierà il prodotto idoneo e sarà sua cura
insegnarvi e darvi tutte le istruzioni per un corretto utilizzo.
Avvaletevi sempre di persone che con cura e pazienza si metteranno a vostra disposizione per fare in modo
che le barriere non siano piu’ un ostacolo alla qualità della via.

Grazie ad Autonomia Disabili per il sostegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *